RAM

Categoria:

RAM
(Firenze, 1898 – 1976)

Composizione metafisica

olio su tavola
48 x 60 cm

«…una giovane etiope vestita di abiti occidentali, ma dall’acconciatura tribale, è posta in misterioso colloquio con una natura silente di cocomero spaccato mentre un pesante tendaggio si apre su un cielo percorso da nuvole e bagliori perlacei…» così Susanna Ragionieri descrive l’opera in ‘RAM. Fra Novecento e Metafisica. La Natura ricreata’. Si tratta di un capolavoro di RAM riconducibile agli anni 1936 -1938 con elementi che richiamano il De Chirico degli anni Venti in cui tuttavia si riconosce il fascino dell’esotico tipico di Gauguin.

RAM, acronimo di Roger Alfred Michahelles, è stato un artista internazionale, capace di rappresentare quello spirito di modernità tipico della prima metà del XX secolo. Si è occupato di pittura, scultura, grafica, incisione, scenografie teatrali, architettura e moda dimostrando grande abilità nel far proprie le molteplici innovazioni della sua epoca, prendendo da ciascuna ciò che maggiormente corrispondeva alla sua idea di Arte.